Crea sito

Frittella palermitana

Questa ricetta è stata letta da 1343 persone

Frittella palermitana - La cucina di nonna Rita

Frittedda palermitana


La frittella palermitana o, come si chiama da noi, a frittedda, potrebbe sembrare una frittata ma invece non ha nulla che vedere con le uova e con la frittura. 

Già, perchè la frittedda altro non è che un gustoso contorno di vegetale composto con tre ortaggi: piselli, fave e carciofi rigorosamente freschi e di stagione. Certo, la si può preparare anche con prodotti surgelati, ma il gusto e il profumo non saranno gli stessi!

Dalle mie parti si è soliti preparare la frittedda, per la prima volta nella stagione, per la festa di S. Giuseppe è un contorno, ma anche un piatto unico o un condimento per la pasta. Insomma si può gustare in diversi modi.

Frittella palermitana
Portata: Contorni
Difficoltà: Moderata
Porzioni: 4
Tempo prepar: 
Tempo cottura: 
Tempo totale: 
Ingredienti
  • 1 Kg e mezzo fave fresche
  • 1 Kg e 200 gr pisellini freschi
  • 5 carciofi
  • 2 scalogni
  • ½ bicchiere olio extra vergine di oliva (Tenuta Tresca)
  • 1 limone
  • sale e pepe q.b
Preparazione
  1. Puliamo i carciofi eliminando le foglie esterne più dure e la punta spinosa.
  2. Tagliamo i carciofi a metà, eliminiamo il fieno interno ed affettiamo i carciofi a fettine spesse 1 cm circa. Mettiamo i carciofi affettati in una ciotola con acqua acidulata con del succo di limone per non farli annerire.
  3. Sgraniamo i piselli e laviamoli.
  4. Sgusciamo le fave e, se non sono piccole, eliminiamo la buccia interna.
  5. In una padella o casseruola e versiamo un paio di cucchiai di olio evo. Aggiungiamo lo scalogno (o la cipolla) tagliato a fettine e lasciamo soffriggere a fiamma bassa per un paio di minuti.
  6. Aggiungiamo al soffritto i carciofi a fettine, le fave ed i piselli, saliamo, aggiungiamo un bicchiere di acqua calda, lasciamo cuocere per 15 minuti circa a fiamma media con il coperchio mescolando di tanto in tanto.
  7. Quando tutti gli ingredienti saranno cotti togliamo dal fuoco e serviamo sia calda che fredda.
I consigli di nonna Rita
VARIANTE:
La frittedda è ottima anche nella versione agrodolce. In questo caso si aggiunge alle verdure già cotte 4 cucchiai di aceto dove abbiamo sciolto e 2 cucchiai di zucchero. Mescoliamo e facciamo evaporare completamente. Spegniamo quindi la fiamma e lasciamo riposare per qualche ora prima di servire il piatto freddo.

Questa ricetta è stata letta da 1343 persone

Nonna Rita

Una nonna che vuole condividere le ricette della sua cucina, ricette sperimentate, pescate in rete. Ma anche ricette tipiche della mia regione e città. Piatti dal sapore familiare da gustare ed assaporare con chi si vuole bene. Nonna Rita

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Vota la ricetta: