Pasta con pesto genovese o quasi

Questa ricetta è stata letta da 2427 persone

Pasta con Pesto alla genovese - La cucina di nonna Rita

Il pesto alla genovese è la ricetta tipica più conosciuta della cucina genovese.

Seguendo la tradizione, il pesto dovrebbe essere preparato usando il mortaio, ma oggi giorno quasi tutti lo prepariamo con frullatori, minipimer e via dicendo. Certamente, usando il mortaio, il pesto avrà tutto un altro sapore, ma se abbiamo fretta, utilizziamo pure attrezzi moderni e otterremo un pesto ugualmente buono e saporito. La cosa più importante saranno gli ingredienti che utilizzeremo per la preparazione del nostro pesto che useremo per condire trenette,  gnocchi di patate o lasagne all’uovo.

Spero che i genovesi mi perdoneranno se il mio pesto non segue i loro canoni: ho avuto modo di gustarlo anni fa in un ristorante genovese e devo dire che il pesto che ho mangiato è tutta un altra cosa. È un po’ come i tortellini, come in Emilia Romagna nessuno sa’ farli, possiamo solo imitare.
Nella ricetta comunque ho inserito i procedimenti con il robot da cucina e con il mortaio.

Che ne dite ci volete provare questa ricetta? Andiamo in cucina.


Pasta con pesto genovese


Portata: Primi piatti
Difficoltà: Facile
Porzioni: 4
Tempo prepar:  20 minuti
Tempo totale:  20 minuti


Ingredienti

  • 100 g di foglie di basilico
  • 2 spicchi di aglio
  • 50 g di pinoli
  • 30 g di Pecorino grattugiato
  • 70 g di Parmigiano grattugiato
  • 200 g di olio extra vergine di oliva
  • Sale grosso q.b

Preparazione


  • Procedimento con il Robot da cucina o minipimer
    Mettiamo nel vaso del robot da cucina i pinoli e l’aglio tagliato a fettine e tritiamoli un pochino.
    Poi, aggiungiamo il basilico e tritiamo ancora e, alla fine, aggiungiamo anche il formaggio.
    Fermiamo frequentemente il robot e mescoliamo il tutto con una spatolina per ottenere un trito omogeneo e abbastanza fine.

  • Versiamo il trito in una ciotola, saliamo e aggiungiamo olio d’oliva evo, rimescolando fino ad ottenere una salsa piuttosto densa.
    Non versiamo l’olio nel frullatore per favorire la tritatura, perché in questo modo otterremo un frullato e non il pesto.

  • Procedimento con il mortaio
    Mettiamo nel mortaio i pinoli e l’aglio tagliato a fettine e iniziamo a pestare.
    Piano piano, aggiungiamo le foglie del basilico e un pò di sale grosso e continuiamo a pestare fino ad ottenere un impasto omogeneo.
    Mettiamo in una ciotola il pestato e il formaggio e aggiungiamo olio d’oliva evo, rimescolando fino ad ottenere una salsa piuttosto densa.

  • Mettiamo a cuocere la pasta in abbondante acqua salata seguendo i tempi di cottura. Scoliamo tenendo un pò di acqua di cottura da parte.
  • Versiamo la pasta in una ciotola e condiamola con il pesto al quale aggiungeremo qualche cucchiaio di acqua di cottura.
  • Serviamo accompagnando con altro grana grattugiato.

I consigli di nonna Rita

Il pesto si conserva in frigorifero per diversi giorni, se messo in un barattolo e coperto completamente con l’olio.


Questa ricetta è stata letta da 2427 persone

Nonna Rita

Una nonna che vuole condividere le ricette della sua cucina, ricette sperimentate, pescate in rete. Ma anche ricette tipiche della mia regione e città. Piatti dal sapore familiare da gustare ed assaporare con chi si vuole bene. Nonna Rita

Ti potrebbe interessare anche...