contatore accessi free
Crea sito

Semina

Questa ricetta è stata letta da 47 persone

Semi - I consigli di nonna Rita


La semina per le piante a fioritura estiva si fa, di solito, in primavera, mentre per le piante a fioritura primaverile la semina si esegue in autunno.

Le giornate migliori per compiere questa operazione sono quelle a cielo coperto e senza vento; le ore migliori quelle della sera.
Dopo aver riempito alcune terrine, piuttosto larghe e basse, con del terriccio, versavi sopra i semi e coprili con un po’ di terra.
Fatto ciò, bagna il recipiente immergendolo fino a poche dita dall’orlo in un altro pieno di acqua, finché non vedrai che anche la superficie del terriccio sarà umida.

Quando cominceranno a spuntare le piantine, sarà bene dare loro aria e luce, evitando però di esporle troppo al sole o di lasciarle in luoghi eccessivamente freddi. Una volta, poi, che avranno raggiunto l’altezza di otto o nove millimetri, potrai piantarle nei vasi o nelle cassette, nei quali, in seguito, fioriranno.Germogli - I consigli di nonna Rita

Disponile dunque nei vasi con molta delicatezza e possibilmente lasciando intorno alle radici il “pane di terra”, cioè la terra che avvolgeva le piantine nella terrina. Come si è già detto, è consigliabile compiere questa operazione verso sera. Innaffiate abbondantemente, e, finché le piantine non saranno ben attecchite, cioè per due o tre giorni, non lasciatele al sole. Se nella nostra terrazza o balcone non c’è ombra, creiamola noi con l’aiuto di una stuoia o di un pezzo si cartone.

Senza ricorrere ai semi, si possono piantare le piantine per talea, operazione ch edi solito si fa in estate o in autunno.

La talea non è altro che un rametto staccato dalla pianta; deve essere lungo circa dieci centimetri e avere delle gemme. Dopo averlo privato delle foglie nella parte che va interrata, piantiamolo in un vaso che contenga terriccio sabbioso. E’ bene comunque togliere tutte le foglie, per evitare che l’umidità si disperda. E’ necessario inoltre che il rametto con abbia sbavature; dobbiamo cioè staccarlo con un taglio netto. Bagniamo ora il vaso e mettiamolo all’ombra, in un luogo riparato.

Quando le piantine saranno ben radicate, mettiamole in piccoli vasi con terriccio molto fertile. Qui resteranno durante l’inverno, tenute però in luogo riparato affinché non gelino.

Questa ricetta è stata letta da 47 persone

Nonna Rita

Una nonna che vuole condividere le ricette della sua cucina, ricette sperimentate, pescate in rete. Ma anche ricette tipiche della mia regione e città. Piatti dal sapore familiare da gustare ed assaporare con chi si vuole bene. Nonna Rita

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*