contatore accessi free
Crea sito

Chiacchiere di Carnevale

Questa ricetta è stata letta da 1212 persone

Chiacchere al forno - La cucina di nonna Rita

 

Le chiacchiere di Carnevale sono dolci tipici che assumono nomi diversi secondo la regione: frappe, bugie, cenci, sfrappole …

Anche la forma varia da regione a regione: rombi, lunghi nastri di sfoglia,  fiocchi.

E infine, è varia anche la ricetta: latte al posto del succo di arancia e oppure burro, liquore (grappa, anice, cognac, vino) o aromi, come la vaniglia o la scorza grattugiata del limone.

Ma qualunque sia il nome, la forma, l’aroma le chiacchiere non possono mancare a carnevale!

Vediamo come preparare delle golose chiacchiere di Carnevale, friabili e gonfie, una goduria per il palato di tutta la famiglia. Saranno il dessert perfetto per una festa in maschera.

Chiacchiere di Carnevale
Portata: Dolci e dessert
Difficoltà: Moderata
Tempo prepar: 
Tempo cottura: 
Tempo totale: 
Ingredienti
  • 500 gr farina 00 MOLINO CHIAVAZZA
  • 50 gr zucchero semolato
  • 3 uova
  • 30 gr burro
  • buccia di un limone grattugiata
  • 1 pizzico sale
  • 2 cl grappa bianca o altro liquore
  • olio di semi di arachide per friggere
  • abbondante zucchero a velo
Preparazione
  1. Sulla spianatoia disponete la farina a montagnola, creando un cratere nel centro. Versare lo zucchero, il burro ammorbidito, le uova, la buccia di limone grattugiata e il sale. Lavorare con la punta delle dita gli ingredienti umidi, amalgamandoli grossolanamente tra loro, incorporare mano a mano la farina, e aggiungere il liquore.
    Lavorare fino ad ottenere una massa liscia e omogenea, che pulisca il piano di lavoro e sia abbastanza elastica. Possiamo svolgere questo passaggio aiutandoci con un robot da cucina, mettendo nella ciotola tutti gli ingredienti insieme.
    A questo punto, lasciamo riposare per almeno un’ora così la pasta si ammorbidisce e possiamo stenderla con più facilità

  2. Dopo il tempo di riposo, stendiamo la pasta. Se avete la macchina stendi pasta il lavoro sarà più veloce.

  3. Con la macchinetta, procedete in questo modo: dividete la pasta in 4 panetti del peso di circa 200 gr ciascuno, schiacciateli, inseriteli nella macchinetta con i rulli completamente divaricati; se la sfoglia che fuoriesce tende a lacerarsi, infarinatela, ripiegatela su se stessa e spianatela nuovamente, procedendo dallo spessore più ampio dei rulli a quello intermedio ed infine più stretto. Fate così per 3 o 4 volte fino ad ottenere una sfoglia liscia e compatta. Poi tagliate con la rotellina.

  4. Con il mattarello, invece, cercate di ottenere una sfoglia sottilissima. Con la rotellina dentellata tagliate delle striscioline lunghe circa dieci centimetri e larghe tre.

  5. Nel frattempo preparare l’olio nella friggitrice o in una capiente padella e di portarlo alla temperatura di 180° C.

  6. Quindi immergere poche strisce alla volta, girarle quando iniziano a prendere colore. Facciamole scolare con la schiumarola su carta assorbente. Spolverare abbondantemente con lo zucchero quando sono ancora tiepide.

  7. Gustatele subito, oppure conservatele in un contenitore a chiusura ermetica per qualche giorno.

IL CONSIGLIO DELLA NONNA:

L’olio per friggere le chiacchiere deve essere caldo ma non bollente. Quando avrà raggiunto la temperatura ideale bisogna mantenere il fuoco vivace ma non alto. Per capire quando è il momento giusto per cuocere servitevi di uno stuzzicadenti: se attorno compariranno delle bollicine, potete friggere. Iniziate immergendo un piccolo pezzo di pasta: se diventa scura immediatamente, significa che l’olio è troppo caldo. Sarà allora necessario abbassate il fuoco e riprovate finché la pasta si dorerà lentamente.

Se poi volete delle chiacchiere light possiamo cuocerle, sistemandole su una teglia foderata da carta forno, in forno preriscaldato a 160°C per 15 minuti circa, dipende dal vostro forno.


 

Questa ricetta è stata letta da 1212 persone

Nonna Rita

Una nonna che vuole condividere le ricette della sua cucina, ricette sperimentate, pescate in rete. Ma anche ricette tipiche della mia regione e città. Piatti dal sapore familiare da gustare ed assaporare con chi si vuole bene. Nonna Rita

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Vota la ricetta: