statistiche web
Crea sito

Biscotti di San Martino

Questa ricetta è stata letta da 1572 persone

Biscotti di San Martino - La cucina di nonna Rita
I biscotti di San Martino si preparano, e si mangiano, l’11 Novembre per la festa del Santo Martino.

A Palermo se ne fanno tre versioni diverse:  i più semplici sono i “tricotti” (ovvero cotti tre volte) di forma rotonda e aromatizzati da semi di finocchio selvatico. Questi biscotti molto croccanti si bagnano nel Moscato, un vino dolce ricavato da uve “inzolia”.

L’altro biscotto di San Martino è chiamato sammartinello rasco, ed è preparato con una pasta un po’ più morbida e meno croccante del precedente: tagliato orizzontalmente a 2/3 della sua altezza in modo da creare una piccola cavità che viene bagnata con moscato e farcita con crema di ricotta arricchita da scaglie di cioccolato. Sulla crema viene posta a cappello la parte superiore del biscotto, anch’essa intinta nel moscato e cosparsa con zucchero a velo e cannella. 

Biscotti di San Martino con ricotta - La cucina di nonna Rita

L’altra versione, chiamata sammartinello decorato è di grande impatt,o da un punto di vista estetico, perché le sue decorazioni ricordano gli ornamenti di una chiesa barocca.

Al suo interno c’è la conserva verde a base di zuccata e cedro, ed è ricoperto totalmente da una glassa di zucchero che lo  rende simile a una cupoletta bianca, arricchito da ghirigori sempre di glassa di diversi colori, bianco, rosa, celeste, presenta, sulla sommità, un confettino, un fiore di pasta reale o un cioccolatino incartato. Molto bello a vedersi e buonissimo da gustare. 

Biscotti di San Martino con la glassa di zucchero - La cucina di nonna Rita

Oggi vedremo la ricetta dei biscotti di San Martino più semplici, ma non per questo meno buoni.

Biscotti di San Martino
Ricetta inserita da:
Portata: Dolci e dessert
Tempo prepar: 
Tempo cottura: 
Tempo totale: 
Ingredienti
  • 1 Kg farina 0 tipo manitoba MOLINO CHIAVAZZA
  • 250 gr strutto
  • 160 gr zucchero semolato
  • 60 gr lievito di birra, oppure 250 gr di lievito madre
  • 40 gr semi di finocchio
  • cannella, in polvere q.b
Preparazione
  1. Setacciamo la farina e facciamo la fontana, al centro mettiamo lo strutto, lo zucchero, il lievito che prima avremo miscelato con un mezzo bicchiere d'acqua tiepida e un cucchiaino di zucchero per attivarlo, i semi di finocchio e un pizzico di cannella.
    Impastiamo a lungo fino ad ottenere un composto morbido e compatto.
    Copriamo l’impasto a campana, con una ciotola e lasciamo riposare 20 minuti

  2. Passato il tempo di riposo,riprendiamo l'impasto e ricaviamo dei cilindretti della lunghezza di 5-6 cm circa, che avvolgeremo a spirale.
    Adagiamo ogni spirale su una teglia imburrata o rivestita da carta forno.
    Copriamo e lasciamo lievitare per una o due ore in un luogo tiepido.

  3. Quando i biscotti saranno ben gonfi, inforniamo a 200°C per 10 minuti, poi abbassiamo la temperatura a 160°C e proseguiamo la cottura per 20 minuti, se li vogliamo duri da inzuppare nel liquore, abbassiamo la temperatura a 100°C, spegniamo il forno e lasciamo dentro i biscotti per un’ora.
    A cottura ultimata sforniamo e lasciamo raffreddare bene prima di servire.

I consigli di nonna Rita
Si conservano per diversi giorni chiusi in un contenitore ermetico o in sacchetti per alimenti.

 

Questa ricetta è stata letta da 1572 persone

Nonna Rita

Una nonna che vuole condividere le ricette della sua cucina, ricette sperimentate, pescate in rete. Ma anche ricette tipiche della mia regione e città. Piatti dal sapore familiare da gustare ed assaporare con chi si vuole bene. Nonna Rita

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vota la ricetta: