contatore accessi free
Crea sito

Bietole e fave per una zuppa sublime

Questa ricetta è stata letta da 1490 persone

Zuppa bietole e fave - La cucina di nonna Rita

Le bietole con le fave: uno sposalizio fatto di semplicità per un piatto povero, buono e gustoso.

I piatti semplici, che ci portano alla tradizione della cucina contadina di una volta, dal gusto non solo semplice ma genuino e sano.

Nasce così questa zuppa che scalda il cuore nelle giornate invernali, in quelle giornate in cui vogliamo donare non solo un piatto sano, ma anche un piatto che riscaldi l’animo dei nostri cari che rientrano intirizziti ed affamati.

La zuppa di bietole con le fave dona con semplicità tutto il gusto della verdura che con la sua dolcezza si sposa con la ruvidità delle fave dal gusto forte e deciso. Se poi accompagniamo il tutto con un filo di olio a crudo di quello buono, fatto solo di olive italiane, e con delle fette di pane casereccio, avremo fatto la felicità di chi vi affonderà il cucchiaio.

Andiamo a preparare le bietole con le fave.

Bietole e fave per una zuppa sublime
Portata: Piatti unici
Difficoltà: Facile
Porzioni: 4
Tempo prepar: 
Tempo cottura: 
Tempo totale: 
Ingredienti
  • 250 gr fave secche decorticate
  • 4 mazzetti di bietola
  • 1 pomodoro fresco o un pelato
  • 1 spicchio aglio
  • rosmarino, q.b
  • olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe q.b
Preparazione
  1. La sera prima, sciacquiamo le fave secche e mettiamole in un recipiente pieno d'acqua.
    Scegliamo un recipiente capiente in quanto le fave cresceranno di volume: infatti assorbiranno l'acqua e questo faciliterà la cottura.

  2. Il giorno successivo, scoliamo le fave sciacquiamole sotto l'acqua correte.

  3. In un tegame capiente mettiamo due cucchiai di olio evo e uno spicchio di aglio, lasciamolo rosolare un pò senza farlo colorire troppo.
    Togliamo lo spicchio d'aglio e versiamo il pomodoro fresco che avremo spellato e tagliato piuttosto piccolo, oppure aggiungiamo un pomodoro pelato a polpa tagliato a pezzetti, lasciamo cuocere qualche minuto.

  4. Versiamo adesso le fave e mescoliamo con un cucchiaio di legno per far insaporire con il pomodoro, uniamo una abbondante presa di rosmarino tritato (potete ometterlo se non vi piace) e versiamo dell'acqua fino a coprire completamente le fave, copriamo con il coperchio e abbassiamo la fiamma.
    Lasciamo cuocere a fuoco lento e mescoliamo di tanto in tanto, con un cucchiaio di legno schiacciando i legumi.

  5. Durante la cottura delle fave potrebbe essere necessario aggiungere dell'acqua quindi tenetene sempre a disposizione una pentola tenendola sul fuoco: infatti bisogna aggiungerla calda altrimenti le fave diventeranno dure.
    Le fave saranno cotte quando si romperanno facilmente schiacciandole con un cucchiaio di legno.

  6. Mentre le fave cuciono prepariamo la bietola:
    Tagliamo il torsolo della bietola per staccare le foglie. Laviamole sotto l'acqua corrente per togliere la terra e tagliamo a pezzi le foglie e le coste.
    In una pentola mettiamo la bietola tagliata e copriamo con dell'acqua leggermente salata.
    Facciamo cuocere la bietola fino a quando sarà diventata morbida e quindi cotta.

  7. Quando la bietola è cotta, scoliamola e uniamola alle fave, lasciamo cuocere per qualche minuto, aggiustiamo di sale e pepe.

  8. Spegniamo e serviamo la nostra zuppa calda condendo generosamente con olio evo e accompagnando con fette di pane casereccio.



Questa ricetta è stata letta da 1490 persone

Nonna Rita

Una nonna che vuole condividere le ricette della sua cucina, ricette sperimentate, pescate in rete. Ma anche ricette tipiche della mia regione e città. Piatti dal sapore familiare da gustare ed assaporare con chi si vuole bene. Nonna Rita

You may also like...

2 Responses

  1. clibi ha detto:

    Le zuppe, che piatto confortante e gustoso:)

    • Nonna Rita ha detto:

      Benvenuta Clibi e complimenti per il tuo bellissimo blog e per le buone e fantastiche ricette: sei bravissima!
      Amo le zuppe e le trovo anche io molto confortanti. A presto e grazie per la tua visita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Vota la ricetta: